mercoledì 23 febbraio 2011

un tiepido mercoledì di febbraio

La mattina scivola faticosamente tra le dita, mente ascolto mollemente la voce registrata.
Sola in questa confusione di grida e telefoni sfuggo la gente nervosa che mi circonda.
Non voglio naufragare in questo mare in tempesta: oggi sono io il capitano, ho deciso di invertire la rotta.

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina